Ho seguito i sogni del mio ragazzo e mi sono perso

Ho seguito i sogni del mio ragazzo e mi sono perso


  • Sono sempre stata una ragazza solidale, ma sono andata troppo oltre con la mia ultima ex. Anche se avevo obiettivi e ambizioni miei, ho finito per seguire i sogni del mio ragazzo piuttosto che i miei e me ne pento seriamente.

    Ho detto troppo di una cosa buona.

    Ho pensato che toccasse a me sostenere i sogni del mio ragazzo. Dopotutto, è quello che fa un buon partner. Ma non mi rendevo conto che forse stavo sostenendo troppo il mio bene.



    Ha trattato i suoi sogni come se fossero miei.

    Il suo obiettivo era avviare un'attività in proprio e trasferirsi all'estero, ed era quasi come se pensasse di dover agire come se i suoi sogni fossero i miei. Ero pronto a fare sacrifici per farli accadere per lui, anche al punto di vivere in un posto dove non mi avrebbe visto in futuro. Mossa sbagliata.

    Era tutto su di lui.

    La cosa triste era che tutto nella relazione finiva per riguardare lui e ciò che voleva. Mi stava permettendo di essere il suo seguace invece del suo partner, il che è una sciocchezza totale.



    Volevo avere una relazione di successo.

    Il mio obiettivo era avere un ottimo rapporto. Volevo essere la persona di cui si fidava e aveva al suo fianco in tutto questo. Va bene, ma in qualche modo ho pensato di dover dare la priorità ai desideri e ai bisogni del mio ragazzo affinché la nostra relazione avesse successo. Quindi non è vero! Speravo anche che mantenendolo felice mi avrebbe tenuto vicino. È stato stupido.

    I trascurato le mie esigenze.

    E quello che volevi e di cui avevi bisogno? Passavo così tanto tempo ad ascoltare i piani del mio ragazzo e seguirli, che stavano facendo evaporare i miei sogni e le mie esigenze personali.

    Voleva che lavorassi per lui.

    Sostenerlo aiutandolo ad avviare la sua attività, che ha occupato molto del mio tempo libero, non è stato sufficiente. Poi mi ha suggerito di diventare il suo assistente personale nella sua nuova azienda.

    Ho raggiunto il mio limite.

    Questo era troppo. Ho capito che non volevo essere l'assistente personale del mio ragazzo. Non volevo lavorare per lui, volevo lavorare per me. Non voleva dedicare così tanto tempo alla sua carriera e ai suoi sogni al punto che le mie 9 a 5 sarebbero state qualcosa che non voleva fare. Abbastanza era abbastanza.



    I Non potevo più perdermi.

    Il suo suggerimento di lavorare per lui mi ha fatto capire che se lo avessi accettato, avrei perso sempre di più me stesso. Avevo già smesso di concentrarmi così tanto su ciò che volevo dalla vita, e ora sarei bloccato in una carriera in cui non volevo davvero essere. Che diavolo per? Una relazione di successo non avrebbe dovuto dipendere dal fatto che io facessi tutto ciò che il mio ragazzo voleva.

    Ha cercato di farmi cambiare idea.

    Gli ho detto che volevo concentrarmi sulla mia carriera invece di lavorare per lui e ha cercato di convincermi a cambiare idea e lavorare per lui. È stato un dibattito che è andato avanti all'infinito. Non stava prendendo un no come risposta, il che era frustrante. Ha detto che sarebbe fantastico per la nostra relazione poter lavorare insieme, ma non era il mio genere. Ho dovuto smettere di mettere le sue idee e i suoi desideri al primo posto, quindi ho tenuto le mie armi. Finalmente.

    Non mi ha sostenuto.

    Avevo passato così tante settimane e mesi a supportare questo ragazzo, ma ora che volevo fare le mie cose e concentrarmi sui miei sogni, non gli importava nemmeno. In effetti, ha cercato di buttarmi giù per tutto il tempo. Per lui, le mie idee ei miei sogni erano sciocchi e infantili. Li ho criticati e mi hanno fatto sentire una merda. Ogni volta che fallivo o subivo una battuta d'arresto, mi diceva che avrei dovuto lavorare per lui. Era così ingiusto.

    È ora di restare per me, tanto per cambiare.

    Sono davvero l'unico che ho. Sembra triste, ma purtroppo è vero. Questa esperienza mi ha insegnato che devo prendermi cura di me stesso e sostenere i miei obiettivi nella vita perché nessun altro è garantito per sostenermi. Ma anche se il mio ragazzo fosse stato la persona più premurosa e meravigliosa, non avrebbe dovuto dedicare così tanto di me ai suoi sogni. Devo fare di me stesso una priorità nella mia vita. Non è egoista, ma riguarda amare me stesso, e purtroppo non ne aveva fatto abbastanza in passato.

    Si tratta anche di frontiere

    La cosa più importante che ho imparato da questa relazione è stata avere più limiti. Dovevo assicurarmi di non dare troppo di me stesso e di non mettere tutte le mie risorse sul mio ragazzo. Ho dovuto risparmiare la maggior parte del mio tempo ed energie per la mia vita invece di lasciarla andare avanti. Voglio dire, dai, non sono stato messo su questa terra per essere l'assistente o il partner di qualcuno!

    Sponsorizzato: i migliori consigli per appuntamenti / relazioni sul web.Check-out Eroe delle relazioniun sito in cui istruttori di relazioni altamente qualificati ti trovano, conoscono la tua situazione e ti aiutano a ottenere ciò che desideri. Ti aiutano a superare situazioni d'amore complicate e difficili, come decifrare segnali confusi, superare una rottura o qualsiasi altra cosa che ti preoccupa. Ti connetti immediatamente con un fantastico coach tramite SMS o telefono in pochi minuti. Basta fare clic Qui