Ho fatto voto di astinenza come parte della consulenza prematrimoniale ed è stato il peggiore

Ho fatto voto di astinenza come parte della consulenza prematrimoniale ed è stato il peggiore


  • Quando io e mio marito lo abbiamo annunciato ci stavamo sposando, siamo stati spinti a far eseguire la cerimonia dal pastore locale della sua famiglia. "Oh certo," ho detto, "quanto può essere grave?" Non sapevo, potrebbe essere brutto. Veramente male. Ad esempio, non fare sesso con il tuo fidanzato per sei mesi. Ecco cosa ha fatto il nostro voto di astinenza alla nostra relazione e come queste ripercussioni sono penetrate nel nostro matrimonio.

    Non sono nemmeno religioso.

    Ho accettato di farlo per mio marito perché la sua famiglia è religiosa ed era importante per loro che avessimo un matrimonio cristiano con un pastore cristiano. Sono entrato in questa esperienza con mente aperta e senza aspettative. Quando siamo arrivati ​​in chiesa, abbiamo compilato un questionario sulla vita, che includeva domande sulle passate esperienze sessuali (seriamente?) E sui partner. Il pastore mi ha chiesto se ero vestito di bianco al matrimonio, sottolineando che non sarebbe stato convenzionale considerando che ero stato sessualmente attivo prima. Sì davvero.



    Il nostro primo pensiero: "Sei mesi non sono niente".

    Abbiamo detto automaticamente sì al voto, senza prima discuterne insieme. Abbiamo promesso al pastore, in quel preciso momento, che non avremmo fatto sesso per sei mesi. Preghiamo per questo. Siamo risaliti in macchina e abbiamo detto: "Abbiamo questo, questo non è niente". NON CORRETTO. Sei mesi è un a lungoSoprattutto per una giovane coppia follemente innamorata che è abituata a fare sesso più volte alla settimana. Non lasciare mai che nessuno ti dica il contrario.

    All'inizio era una tortura.

    Ma come quelli buoni. È stato divertente prenderci in giro a vicenda, sapendo che avevamo fatto questa promessa e che non potevamo davvero mantenere l'azione. Ci scherzavamo sopra, sapendo che presto sarebbe finito tutto. Pensavamo che l'astinenza fosse la parte più semplice della consulenza. Parlare sarebbe stata la parte difficile. Non toccare sarebbe stato facile. Non sapevamo ...



    In effetti, consideriamo di mentire al riguardo.

    Ben presto la tortura non divenne così divertente e onestamente abbiamo considerato di rompere il voto e mentire al pastore. Tuttavia, non potevamo, perché ha iniziato ogni sessione di consulenza chiedendoci direttamente, guardandoci negli occhi e chiedendosi se avessimo mantenuto la nostra promessa. Per la prima volta, mi vergognavo di fare sesso ed ero mortificato.

    È diventato davvero strano.

    Che vergogna ho menzionato? Sì, è rimasto. Ho iniziato a sentirmi sporca per le cose che volevo fare con il mio futuro marito, cose che non avevo mai messo in dubbio in passato. In effetti, il mio desiderio di sesso è diminuito al punto che non mi importava davvero che non ne avessimo. L'eccitazione è svanita e ho iniziato a innervosirmi per la nostra prima notte di nozze. Mi sentivo come se stessi sposando qualcuno che conoscevo a malapena, anche se ero perfettamente felice con lui prima di questa esperienza.

    Non volevo fare sesso la prima notte di nozze.

    Era passato così tanto tempo e inaspettatamente ho lottato così emotivamente che era difficile per me essere abbastanza eccitato durante la nostra prima notte di nozze per fare sesso. Non sapevo come spiegarlo al mio partner, quindi ho finto di essere malato per non doverne parlare.

    È stato scomodo.

    Avere un periodo di siccità prima infatti essere una coppia sposata non ci ha fatto partire con il piede giusto. Quando finalmente siamo riusciti a dormire insieme in luna di miele, è stato come se avessimo dimenticato come stare vicini, come toccarci intimamente e confortarci a vicenda. Abbiamo fatto sesso due volte durante la nostra luna di miele. Due persone sulla ventina. DUE VOLTE. Mio marito l'ha ammesso era anche scomodo per lui. I periodi di siccità si fanno sempre più frequenti, come un'antica usanza.



    Il nostro sesso non è ancora lo stesso di prima che ci sposassimo.

    Sono passati tre anni da quando è finita la nostra serie di astinenze, ma non credo che io e mio marito abbiamo mai fatto sesso come prima della terapia. Sono deluso dal fatto che abbiamo lasciato che ci prendesse il sopravvento. Capisco che l'esperienza possa essere gratificante per alcune coppie, specificamente religiose o spirituali, ma su di noi ha avuto l'effetto opposto.

    Non lo rifarei più.

    L'intera esperienza mi ha lasciato l'amaro in bocca. Se potessi tornare indietro, non lascerei che il mio desiderio di compiacere i genitori di mio marito mi metta in condizione che un uomo più anziano mi giudichi per le mie esperienze sessuali. Questo è ciò a cui tutto si riduce per me: vergogna. Non so come fare sesso come la persona che ero prima di sposarmi. Non sono sicuro che lo farò di nuovo. E questo fa davvero schifo.

    Sponsorizzato: i migliori consigli per appuntamenti / relazioni sul web.Check-out Eroe delle relazioniun sito in cui istruttori di relazioni altamente qualificati ti trovano, conoscono la tua situazione e ti aiutano a ottenere ciò che desideri. Ti aiutano a superare situazioni d'amore complicate e difficili, come decifrare segnali confusi, superare una rottura o qualsiasi altra cosa che ti preoccupa. Ti connetti immediatamente con un fantastico coach tramite SMS o telefono in pochi minuti. Basta fare clic Qui